Area Marina Protetta Capo Carbonara - Tutti i diritti riservati 2021 - Archeo Diving

ARCHEO DIVING
MAPPA INTERATTIVA

Ruota il telefono per aprire
Mappa interattiva Archeo Diving

Secca di Santa Caterina E

Zona arida molto frequentata, offre vari punti di immersione anche per la sua varietà nelle zone. Se parliamo di situazione geografica, ci interfacciamo con un gioco di piani alti e bassi, circondati da una fauna rigogliosa e da colori mozzafiato.

Secca dei Berni S

La Secca dei Berni si trova a 1,5 miglia a sud-ovest di Punta Molentis. È segnalato da un faro acceso. Questa zona secca ha una profondità minima di 2,4 m alla sua estremità N. 

È possibile immergersi per ammirare i resti di una galea romana.

Secca dei Berni N

La Secca dei Berni si trova a 1,5 miglia a sud-ovest di Punta Molentis. È segnalato da un faro acceso. Questa zona secca ha una profondità minima di 2,4 m alla sua estremità N. 

È possibile immergersi per ammirare i resti di una galea romana.

Apnea SE

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

I. Cavoli - Canale W

Nelle sue coste frastagliate si trovano piccole insenature circondate da massi granitici con fondali di sabbia bianca: la lunga e stretta cala di Ponente, accessibile alle piccole imbarcazioni, cala del Morto a sud, cala del Ceppo e la più grande e protetta cala di Scasciu. Le acque cristalline e profonde ospitano branchi di delfini e barracuda. Sul fondo le rocce formano cavità e fessure, habitat di aragoste, capponi, corvi imperiali, dentici, gamberi, saraghi, ricciole, saraghi e cefali.

Secca di Libeccio

Il punto più superficiale è – 15 metri. È un sito per subacquei esperti in quanto è quasi sempre caratterizzato da forti correnti. Ha grandi rocce che formano creste tra loro separate da lingue di sabbia. Le pareti sono ricoperte di gorgonie rosse e Parazoanthus. A 36 metri si trova il tronco di piombo di un'ancora romana e proseguendo l'immersione verso ovest su fondo sabbioso troviamo un'altra ancora romana il cui guscio e fusto sono rotti.

Secca di mezzo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Secca dei Dotti

Meraviglioso secco non lontano dall'Isola dei Cavoli. L'immersione per profondità e presenza nei momenti di corrente, è riservata a subacquei esperti. È proprio per la presenza di corrente che la visibilità è molto buona. La secca è costituita da agglomerati di grosse rocce che formano una sorta di ferro di cavallo. Grandi appassionati di gorgonie rosse e gialle, meta interessante per fotografi e videosub. Numerose le cernie brune e dorate (precisamente i Dotti).

I.Cavoli - Congresso S

Punto di immersione con grande fauna sottomarina, tappa da non escludere nel proprio percorso. Immergersi in queste zone è sempre appagante, un regalo da fare se vi trovate nella zona dell'isola dei cavoli, costellata di spot come questo.

I.Cavoli - Congresso N

Punto di immersione con grande fauna sottomarina, tappa da non escludere nel proprio percorso. Immergersi in queste zone è sempre appagante, un regalo da fare se vi trovate nella zona dell'isola dei cavoli, costellata di spot come questo.

Scogli dei Proci

Roccia con viste eccellenti per le immersioni.

Secca di Santa Caterina W

Zona arida molto frequentata, offre vari punti di immersione anche per la sua varietà nelle zone. Se parliamo di situazione geografica, ci interfacciamo con un gioco di piani alti e bassi, circondati da una fauna rigogliosa e da colori mozzafiato.

Serpentara - L'indiano

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Secca di Santa Caterina N

Zona arida molto frequentata, offre vari punti di immersione anche per la sua varietà nelle zone. Se parliamo di situazione geografica, ci interfacciamo con un gioco di piani alti e bassi, circondati da una fauna rigogliosa e da colori mozzafiato.

Secca delle Ancore

A questo punto è presente un percorso circolare caratterizzato da numerosi reperti archeologici, ancore romane, anfore e un'elevata presenza di pesci stanziali, come condotti, cernie e cicale.

Relitto Egle

Il relitto molto crollato è posto in posizione di navigazione su un fondale detritico ad una profondità di circa 35 m. L'Aquila era un piroscafo da carico lungo oltre 70 m costruito nel 1893 ed immatricolato al Comparto Marittimo di Genova. Durante la seconda guerra mondiale fu requisito dalla Regia Marina e adibito al trasporto di vettovaglie. Fu affondato con tre siluri il 29 marzo 1943 dal sommergibile olandese Dolfijn mentre, a circa un miglio da Capo Carbonara, stava navigando da Cagliari alla Maddalena, scortato da un dragamine.